Menu
Visita il nostro profilo Twitter Visita il nostro profilo Facebook Visita il nostro profilo YouTube
Centro Missionario Diocesano di Bergamo Centro Missionario Diocesano
Bergamo
Navigazione Interna:

Natale 2009

Condividi la gioia!

Per un Natale al cuore della Missione

"Noi abbiamo contemplato
la sua gloria"
Giovanni 1,14

L'invito...
La condivisione della gioia nasce dal mistero del Natale. Questa è la certezza che il cristiano celebra in una festa alla quale si accompagnano positivamente sentimenti di solidarietà e partecipazione. Ed è nella concretezza del "Mistero dell'Incarnazione" che si fa strada la possibilità di condividere il bene e lasciare spazio alla giustizia come segni di quella "gloria" che avvolge il dono della vita di ogni uomo, di quella responsabilità che coinvolge ciascuno.
La missionarietà trova la sua identità più profonda nell'impegno ad annunciare il Vangelo e la carità evidenzia l'intensità e la verità di questo annuncio. È prendersi carico delle fatiche e delle miserie degli ultimi; è scegliere di opporre alla povertà un giusto utilizzo di quello che si ha e di quello che si è; è capacità critica di condivisione per un bene comune davvero di natura planetaria.



Ecco i progetti:


Terra Santa …per vivere relazioni


Al cuore della missione vogliamo giungere attraverso il suggerimento di questo progetto che si colloca nella scia della condivisione con la terra povera, perseguitata e minacciata, che ha dato i natali a Gesù. Il progetto si prefigge di sostenere l'Istituto Ephatha, gli insegnanti, i medici e il personale, i piccoli ospiti che giungono da lontano e che non hanno possibilità economiche. Contribuire al sostegno del progetto garantisce la continuazione di un servizio che si rende sempre più necessario per favorire una vita normale, fatta di relazioni, di incontri, di lavoro, di scambio. Vai al Progetto


Uganda …per prendersi cura della vita


Fornire cure e assistenza agli ammalati di HIV/AIDS, favorire la possibilità di un'istruzione agli orfani delle vittime dell'HIV/AIDS, dare la possibilità di piccoli finanziamenti per iniziare attività economiche su piccola scala che diano sostegno economico alle famiglie, sono gli obiettivi che si voglino raggiungere. I beneficiari del progetto sono soprattutto le donne e i loro piccoli affetti da AIDS: a loro viene offerta una possibilità di vita nonostante le fragilità della malattia e l'abbandono. Complessivamente i nuclei monofamiliari accolti e sostenuti dal progetto sono 104. Sono 25 gli orfani di cui si prendono cura suor Anna Mary e le sue consorelle. Vai al Progetto


Bergamo …per condividere il cammino

L'iniziativa permetterà di finanziare un progetto che punta il suo sguardo sulle famiglie, di immigrati ma anche di italiani, andando oltre i luoghi comuni della paura e della propaganda. È un progetto pensato con azioni concrete e specifiche che vogliono garantire alla famiglia gli strumenti e le risorse necessari per riorganizzarsi e ricollocarsi socialmente, condividendo con gli operatori e le persone coinvolte nel progetto le proprie fatiche e la propria storia. Vai al Progetto