Menu
Visita il nostro profilo Twitter Visita il nostro profilo Facebook Visita il nostro profilo YouTube
Centro Missionario Diocesano di Bergamo Centro Missionario Diocesano
Bergamo
Navigazione Interna:

Fatti tuoi numerododici

Fatti tuoi numerododici

È bello portare al cuore la vita!
È bello scaldarsi dentro la memoria di quello che, con l'immediatezza di un raggio di sole, è riuscito a trafiggere il grigiore e la tristezza di una giornata densa di nubi e di colori cupi.
Ricordare, appunto, come si ricorda il vissuto di un amore, la densità di un affetto, la passione di un impegno, la misericordia sperimentata in un momento di fatica, la gioia di un esperienza indimenticabile.
Anche la fede è immersa nel “ricordo”, vive nel ricordo. Raccontava un vecchio cubano di aver sentito parlare di Gesù da piccolo, di aver vissuto “lontano“ una vita per poi incontrare un missionario che “raccontava cose che avevo già sentito e mi sono ricordato”. La fede
portata al cuore non conosce stagioni e rifiorisce continuamente.
A Timoteo, a cui è affidato il cammino di fede di una comunità cristiana, Paolo dice: “Ricordati di Gesù Cristo”. Questa tensione, immersa nel tempo, si ripropone come un evento, come un momento sempre unico, assoluto, eppure è qualcosa che da sempre ti
afferra la vita. La memoria non è qualcosa di lontano, ma di presente che proietta sul futuro.
La fede non può fare a meno della memoria, perché nella memoria trova la concretezza dell'impegno.
La fede è per vivere, per la vita, per la Resurrezione, che è quella vita che non finisce perché ci riporta nel mistero eterno di Dio.
E adesso… sono fatti tuoi!

12/10/2013