Menu
Visita il nostro profilo Twitter Visita il nostro profilo Facebook Visita il nostro profilo YouTube
Centro Missionario Diocesano di Bergamo Centro Missionario Diocesano
Bergamo
Navigazione Interna:

Fatti tuoi numeroventicinque

Fatti tuoi numeroventicinque

La nostra vita è una continua attesa.
È quella di un giorno che non finisce. Qualcuno veste l'attesa di desideri, talvolta rimane a bocca asciutta, perché coltiva illusioni. Ed è così che si intristiscono i giorni come quando d'autunno la nebbia avvolge tutto e lo sguardo si perde tra l'umidità del nulla. Il vuoto la fa da padrone.
I doni del Signore sono per coloro che: "attendono con amore la sua manifestazione". Paolo ne è talmente convinto che a Timoteo suggerisce di vivere sempre in questa tensione tra il già ed il non ancora, con uno sguardo che accarezza il presente e continuamente alza lo sguardo verso il futuro. L'attesa si compone di queste due inseparabili dimensioni. Oggi per costruire il domani; domani perché profondamente rapiti nell'oggi. È il tempo della fede.
La missione vive in questa tensione continua, non per alleviare fatiche e sofferenze quotidiane, per illudere, ma per trovare la forza di viverle con un cuore evangelico, pronto a ritrovare sempre le ragioni di un progetto più grande, di un'esperienza di misericordia che appartiene all'uomo quando esprime la sua maturità. La missione va oltre ogni concreta attualizzazione, questa la sua continua novità.
La missione apre all'attesa di quel Regno che si sprigiona dalla beatitudine di Dio. E l'uomo lo rispetta e porta in palmo di mano, l'uomo signore della vita.
E adesso... sono fatti tuoi!

25/10/2013